09.05.2017 - CPT: pronti ad affrontare il futuro

L’anno di esercizio 2016 è stato un anno di sfide per il gruppo CPT. Mentre le entrate dei premi lo scorso anno sono cresciute del 2,9% raggiungendo quota 1,70 miliardi di franchi (rispetto agli 1,66 miliardi dell’anno precedente), le prestazioni assicurative sono aumentate del 4,7% raggiungendo quota 1,62 miliardi di franchi (rispetto agli 1,54 miliardi dell’anno precedente). Ciò ha portato al conseguimento di un risultato d’esercizio negativo nell’ordine di 14,2 milioni di franchi. La CPT ha adottato le misure correttive necessarie e può guardare al futuro con ottimismo. In questo contesto ha dovuto mettere in conto anche un calo del numero di assicurati.

Per la CPT il 2016 è stato l’anno in cui ha rafforzato il suo core business. Mentre lo scorso anno di esercizio si è chiuso con una crescita di oltre 7 milioni di franchi (anno precedente: 20 milioni) nel settore delle assicurazioni complementari, l’assicurazione di base ha fatto registrare perdite per 13,5 milioni di franchi (anno precedente: +0,4 milioni). Con la definizione dei premi per il 2017 la CPT ha intrapreso le azioni necessarie per riequilibrare l’assicurazione di base. Reto Egloff, CEO della CPT, ha affermato in proposito: «Abbiamo fatto i compiti a casa e adesso possiamo guardare al futuro con maggiore ottimismo. Dopo questo 2016 di transizione siamo ben preparati ad affrontare le sfide del mercato e quelle con i fornitori di prestazioni. A nostro avviso siamo di nuovo in grado di soddisfare al 100% la quota di solvenza richiesta dall’UFSP nel settore dell’assicurazione di base.»

I cantoni trasferiscono i costi sanitari agli assicurati

Nell’assicurazione di base le prestazioni relative all’anno di esercizio sono cresciute del 3,8% ovvero di 55 milioni di franchi, raggiungendo quota 1,49 miliardi di franchi. Se osserviamo i costi per singola persona assicurata, possiamo constatare un aumento particolarmente significativo per quanto riguarda medici, fisioterapisti e medicinali. Prosegue anche il trend degli ospedali di spostare gli interventi di tipo stazionario nel reparto ambulatoriale. Siccome le prestazioni di tipo ambulatoriale e stazionario vengono finanziate in maniera diversa, i costi sanitari si spostano pian piano dai contribuenti (cantone) a coloro che pagano i premi (assicurati). È qui che deve intervenire la politica, introducendo una procedura unitaria per il finanziamento delle prestazioni ambulatoriali e stazionarie.

Impegno su tutta la linea a favore degli assicurati

La politica deve intervenire anche nel caso delle tariffe per le prestazioni mediche ambulatoriali. Sulla base di alcune proposte presentate dall’associazione delle assicurazioni malattie curafutura, di cui fa parte anche la CPT, il Consiglio federale ha annunciato un suo intervento nell’ambito delle tariffe. Nel caso in cui l’operazione dovesse andare a buon fine, già nel 2018 gli assicurati potrebbero risparmiare 700 milioni di franchi. Nell’interesse delle proprie e dei propri clienti la CPT è a favore degli interventi sulla tariffazione. Inoltre l’azienda risponde alle esigenze dei clienti anche con un servizio online al passo con i tempi e una consulenza personale. Nei sondaggi sulla soddisfazione dei clienti la CPT, che agisce come società cooperativa, ottiene sempre un punteggio che va da buono ad ottimo. Ed è proprio da qui che vuole partire, ad esempio impegnandosi in maniera risoluta per ottenere tariffe adeguate nelle trattative con i fornitori di prestazioni. Soprattutto nel settore delle assicurazioni complementari, dove c’è ancora spazio di manovra e dove la CPT nel 2016 ha già raggiunto un accordo tariffario innovativo con un importante gruppo di cliniche private che opera a livello nazionale.

Il rapporto di gestione 2016 è disponibile al seguente link: www.kpt.ch/rapporto-gestione

Per ulteriori informazioni rivolgersi a:

Barbara Weber, portavoce della CPT
Tel. 058 310 92 14, kommunikation@kpt.ch

La CPT in breve

Il gruppo CPT è tra le dieci maggiori assicurazioni malattia della Svizzera. L’offerta comprende l’assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie (AOMS) ai sensi della legge sull’assicurazione malattie (LAMal) e le assicurazioni complementari ai sensi della legge federale sul contratto d’assicurazione (LCA). Il volume dei premi ammonta ad oltre 1,7 miliardi di franchi. La CPT assicura più di 420’000 privati e grandi istituzioni e associazioni e può contare su circa 500 collaboratori che operano a Berna e nelle sedi distaccate in tutta la Svizzera. Oltre la metà degli assicurati gestisce le operazioni direttamente online rinunciando ai documenti cartacei. La CPT offre entrambe le cose ai propri clienti: una cassa malati online semplice e una consulenza personale.

Calcolatore di premi